La  Cortina-Dobbiaco Run una corsa che  si snoda tra  boschi di abeti e strade sterrate  che corrono  affiancate al   tracciato della vecchia ferrovia che a suo tempo collegava l’ex città olimpica di Cortina alla località turistica di   Dobbiaco.

Una gara podistica  lunga  30km.  che domenica scorsa  vi hanno preso parte  oltre 4600 runner  italiani e stranieri.

Un percorso unico caratterizzato da  un panorama unico nel suo genere  con  suggestivi passaggi all’interno  delle vecchie gallerie, con una veduta che spaziava verso  Le Tofane,  e la Croda Rossa e scendendo giù  verso Dobbiaco,  uno scorcio di veduta  delle  Tre Cime di Lavaredo  .

A tagliare per primo il traguardo,  posto   all’interno del bellissimo Parco del Grand Hotel di Dobbiaco,  il keniano Nicodemus Biwott   della Farnese Vini  che solo  negli ultimi metri,  è riuscito a prevalere sul  suo connazionale Peter Bii dell’Athletic Terni e  Said Boudalia dell’Athletic Marconi  il  vincitore della passata stagione

In campo femminile per la torinese Valeria Straneo  nessuna  difficoltà ad   aggiudicarsi la gara femminile  che giunta  al traguardo in solitaria ha tagliato per prima il traguardo   con un buon margine di vantaggio su Rachele Fabro del Gruppo sportivo Lammari.

A questo spettacolo paesaggistico e sportivo  non sono mancati  nove runner osimani dell’Atletica Amatori Osimo Bracaccini.

Il  primo atleta del gruppo osimano a tagliare il traguardo,  con il tempo di  2h.17’’45”, Narciso Giuliodori un  veterano di questa gara,  che nel 2015 conquistò il 1° posto nella  categoria degli over 50   lasciandosi dietro  i più forti atleti  specialisti  dell’Italia del Nord    e stranieri.

Sempre in questa  stessa categoria, dietro di lui  e non molto distanze, il suo compagno di squadra Stefano Binci   che h tagliato  i traguardo   in 17esima posizione.

A seguire,  l’altro Osimano del Team Bracaccini  il Senior  Matteo Pierucci che seppur non comparso nelle classifiche ufficiose della gara  per un errore tecnico,   a chiuso la sua prova in 2h.18’ e30”.

199esimo  posizione per  Maurizio Fagotti   nella categoria SM.45,  23^ posizione per Cristina Conti  categoria SF50,  220esimo Michele Ulisse  nella SM.40 seguito in questa stessa categoria al  234esimo posto da  Alessandro Lampa, e da Emanuele Tomarelli  al 253 esimo posto.  E per Rosa Squadroni il 39esimo nella categoria delle SF.55.

 

Gianni    Le  Moglie